L'IDEA

 



 L'idea di "ARCHITETTURE-CAMMINO" nata dall'amore per le terre.


“Camminare può significare

vedere sé stessi, amare la terra 

lasciare che il corpo si muova al ritmo dell’anima”.

Erling Kagge

 

La pratica del cammino lento, inteso come lunghe camminate nei paesaggi tra natura ed architettura, ha sempre fatto parte della mia vita e mi ha regalato forza, conforto e compagnia in periodi oscuri, coraggio nell’affrontare scelte difficili, serenità nell’accettare la meditazione solitaria come passaggio obbligato nella ricerca della pace interiore, attraverso il giusto distacco da cose e persone, pur senza rinunciare a profonde affettività.
Dopo periodi della vita in cui ho camminato meno per dedicarmi incondizionatamente al lavoro senza le indispensabili pause, per regalare troppo tempo a relazioni deludenti e pochissimo tempo ai miei interessi, o per adattarmi a stili di vita troppo diversi dal mio, mi sono ammalata in organi vitali.
Quando la sorte mi ha sottratto per un periodo la possibilità di camminare, mi sono allenata per riappropriarmene,  camminando a lungo nelle terre in cui mi sono trovata a vivere.
Percorrendo le mie terre le ho amate, ho desiderato approfondire la conoscenza dei luoghi, della storia e delle genti, riprendere attività che avevo praticato nella giovinezza, sia per passione che per lavori di ricerca; studiare e descrivere le terre, coniugando la passione per il cammino con la formazione professionale alla “lettura” di paesaggi ed architetture.













In questo percorso nel tempo ed in spazi molto diversi tra loro, ho sperimentato anche che la valorizzazione della salute psico-fisica può essere strettamente connessa alla pratica personalizzata del cammino ed all’espressione della creatività che spesso ne consegue.
So che molte persone hanno vissuto e vivono esperienze analoghe, e che tutto ciò che ho scritto non è assolutamente una novità.
Il desiderio di scrivere articoli e libri sul tema "ARCHITETTURE-CAMMINO" è nato camminando, percorrendo a piedi le terre che amo, immergendomi nei paesaggi, armonizzando il ritmo dei passi e del respiro con la luce del sole, con la corsa delle nubi, con il respiro del vento e degli alberi, con il movimento delle acque, sentendomi parte di un universo pulsante di energie e di vite, in cui architetture "minori" e manufatti artistici "di strada" regalano spunti di riflessione sulle memorie che custodiscono silenziosamente.

Sono nata in una metropoli piena di contrasti, e la maggior parte dei miei cammini quotidiani fino ai 50 anni di età si sono svolti su basoli in pietra vulcanica, battuti di lapillo, cubetti di porfido, cotto e maioliche di chiese e chiostri secolari, prati e boschetti di parchi storici, basolati dell’antichità classica, pavimenti in pietra lucida di stazioni e di uffici pubblici, guaine plastiche di banchine e tunnel di ferrovie sotterranee, metalli di scale mobili, grigliati di scale esterne di grattacieli, asfalti crepati da voragini aperte su caverne, sterrati e pantani fangosi di periferie dimenticate; il tutto, in contesti poco accoglienti, gravati dal peso della trascuratezza nel silenzio rassegnato di abitanti stremati, in un tessuto urbano dalla storia millenaria fiorita in una terra felice, favorita dalla natura e magnificata da colonizzatori, dominatori, visitatori. Napoli.

Ma questa non è mai stata la mia terra, non la ho mai sentita tale; la ho percorsa a piedi in lungo ed in largo per svago e per necessità, anche perché il cammino è sempre stato il mezzo più efficiente per garantire velocità e puntualità negli spostamenti su strade tortuose, perennemente intasate ed inquinate dal traffico motorizzato; il cammino era il mezzo "adatto" per me, che mi illudevo di poter vivere in coerenza con sani ed indiscutibili principi di ecologia, sostenibilità e salute.
 
La mia prima terra amata è quella in cui ho imparato a camminare, in cui ho mosso i primi passi da piccola ed in cui ho gustato profondamente l’essenza del cammino con la piena immersione nel paesaggio e nella bellezza di una natura generosa, foriera di benessere e di salute in ogni stagione.
È una terra peninsulare protesa nel mare verso occidente, una striscia stretta e lunga che si assottiglia in punta fino a diventare quasi un’isola appartata, con vista lontanissima sulla metropoli soltanto quando soffia il vento da nord.


La terra dei miei primi cammini è la penisola di Sorrento, terra di miti e di sirene, di mare e di montagne, di dolci campagne coltivate su pianori e terrazze affacciate sull’azzurro, di ombrosi agrumeti, di oliveti nel sole, di piccoli orti nascosti da muraglie, di faggete e castagneti montani, di bassa e profumata macchia mediterranea resistente a tutti i venti, di scure rocce tufacee strapiombanti su valloni di rivi umidi e bui o su strette spiagge di borghi marinari; 


terra di chiare rocce calcaree che all’estremità peninsulare di Punta Campanella si distaccano bruscamente dalla vegetazione e si immergono con strapiombi verticali nel mare blu scuro, profondissimo, sempre mosso da raffiche di vento e da correnti che si incrociano, nello stretto di fronte all’isola di Capri.




Sono partita da qui e sono arrivata molto lontano.
Nel frattempo, il cammino mi ha salvato la vita.




Ed è nata l'idea di "ARCHITETTURE-CAMMINO", un progetto dedicato alla conoscenza ed alla valorizzazione di paesaggi, architetture e culture di terre appena "fuori porta" rispetto al luogo in cui vivo attualmente; terre che percorro con interesse e con piacere, ammirando bellezze, ascoltando storie di vite del passato raccontate in modo semplice da persone sensibili, riscoprendo il potere terapeutico del cammino e scrivendo note illustrate che spero suscitino nei lettori il desiderio di scoprire, osservare e conoscere le terre camminando.  
Il messaggio parte da una terra geografica, ma la modalità è sperimentabile in tante terre, con amore per le loro autenticità.
Buona lettura e buon cammino.
Francesca






ARCHITETTURE-CAMMINO  (logo di Irene Munzù) 

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE I LIBRI E PER LEGGERE GRATUITAMENTE GLI ESTRATTI



Commenti

Marilu’ Beatrice ha detto…
Il passo lento e cadenzato del tuo cammino ha riacutizzato vista, olfatto, tatto e gusto…. permettendoti di gustare un bene prezioso: la vita!
Dici che tutto è partito da una necessità: muoversi in una città tanto bella e contraddittoria dove il tuo n non passo si è fatto slalom tra auto e persone. Tutto ha avuto inizio da lì e ha portato il tuo cammino nei luoghi del cuore: la penisola sorrentina con i suoi anfratti, con le sue stradine fatte di ciottoli che si aprivano a scorci meravigliosi dove cielo e mare diventavano un tutt’uno.
Ma il tuo destino era altrove, in una terra lontana che ti ha accolto tra le tue braccia e dove il tuo passo ha ritrovato il ritmo del tuo cuore.
Il fragore del mare sugli scogli si è trasformato nello scorrere vitale dei fiumi e nel silenzio dei laghi.
Cara Francesca i tuoi libri sono riscoperta di una visione della vita che la modernità sta cancellando, ma che ognuno conserva nei suoi ricordi!
Buon viaggio!
Francesca Aiello ha detto…
Cara Marilù, sei una poetessa...che pensieri e parole pieni di anima! un abbraccio